«Knock out»: voglia di moda, voglia di boxe

Francesca Lovatelli Caetani

Oggi, alle 19.30, il Luminal di viale Monte Grappa 14 presenta la serata “Knockout”, marchio di abbigliamento per gli appassionati di boxe. La festa proporrà One Hour a Day, un boxe sparring show in collaborazione con Ursus Palestre, con musica anni ’70, Rolling Stone, Led Zeppelin, Bob Dylan, Deep Purple, rap attuale, tra cerotti, tatami montati live, allenamenti alla corda, round, campioni famosi di ieri e oggi: Rocky Mattioli, Kamel Bou Alì, Giacobbe Fragomeni, Gianluca Branco. Nella città della moda, quindi, a fare da protagonista sarà il vero mood e la reale anima di questo sport, che avvicina la gente a un concetto sano, come unione ed equilibrio di corpo e spirito, fitness e spiritualità; «è il primo di una serie di eventi che mirano a rilanciare la boxe - dice Mimmo Vangi, patron di Knock Out- e lo scopo è portare la boxe nelle piazze e farla diventare ancora più popolare».
Boxe come spettacolo in discoteca, quindi, un modo diverso di fare intrattenimento, uno spazio sportivo e culturale in un momento di svago; «la cultura fisica porta all’equilibrio, dà serenità e pace- continua Vangi - e gli atleti hanno il diritto del rispetto del grande pubblico; duri allenamenti, poca apparenza e tanta sostanza per questo sport, che ha bisogno di poco, solo il corpo, ma tanto spirito di sacrificio».