Komen Race, di corsa contro il tumore al seno

Alessandra Caputo

Torna a Roma la «Komen Race For The Cure», ovvero l’appuntamento annuale con la mini maratona di cinque chilometri e la passeggiata di 2 per sostenere la lotta ai tumori del seno.
Giunta alla sua VII edizione, la gara coniuga lo sport all’impegno sociale. Atleti professionisti e dilettanti, sedentari, adulti e bambini, personaggi pubblici, istituzioni vivranno una giornata all’insegna dello sport per raggiungere un traguardo importante insieme con le donne operate. L’obiettivo è raccogliere fondi per la lotta ai tumori del seno e sensibilizzare l’opinione pubblica sull’importanza della prevenzione. Ogni anno la manifestazione fa registrare un crescente successo di pubblico. Nella scorsa edizione, ha brillantemente tagliato il traguardo dei 20mila partecipanti. Dal 2001 la vigilia della gara è arricchita dal «Villaggio della Prevenzione», ideato per offrire visite senologiche, mammografie ed ecografie mammarie in particolare a donne disagiate.
La mini maratona prenderà il via il prossimo 21 maggio alle 10 dallo Stadio delle Terme di Caracalla dove sarà anche allestito il «Villaggio Race» con gli stand degli sponsor ed offrirà foto, musica, aerobica ed intrattenimenti per tutti con un’area giochi riservata ai più piccoli. Il percorso si snoderà, poi, attraverso un itinerario suggestivo che toccherà i monumenti storici della Capitale, come il Colosseo ed il Circo Massimo.
Ilaria D’Amico, madrina dell’edizione 2006, non sarà l’unico personaggio conosciuto a partecipare, insieme con lei interverranno anche altri personaggi nella squadra «VIP», capitanata da Ramona Badescu. Le vere protagoniste saranno, però, le «donne in rosa», donne che hanno incontrato il tumore del seno e che vogliono condividere con serenità la loro esperienza. La manifestazione, presentata in Campidoglio mercoledì mattina alla presenza del sindaco Veltroni, ha preso il via ufficiale lo scorso 9 febbraio quando, Flavia Veltroni, moglie del sindaco, nonché presidente onorario della Race for the cure 2006, ha consegnato il pettorale numero 1 alla first lady degli Stati Uniti, Laura Bush, nel corso di un incontro con le volontarie dell’associazione che si è svolto all’università Cattolica.
La Komen Italia svolge da sei anni, in collaborazione con l’università Cattolica del Sacro Cuore di Roma, un programma educativo sui tumori del seno in Italia che si è concretizzato con la realizzazione di 380 incontri educativi gratuiti per oltre 16.700 partecipanti in ben 76 città italiane.
Nell’Unione Europea ogni anno vengono diagnosticati oltre 250mila nuovi casi, in Italia, l’incidenza è pari a 48 casi per 100 mila abitanti, con 33mila nuovi casi l’anno e oltre 11mila decessi. L’influsso della malattia è in continuo aumento ma il tasso di mortalità, negli ultimi anni, ha iniziato a decrescere, grazie soprattutto ai progressi nelle strategie terapeutiche ed ai programmi di prevenzione. Un’indagine epidemiologica, svolta recentemente dalla Komen Italia onlus, su un campione di 3000 donne residenti a Roma ed in provincia, ha rivelato che non è tanto la disinformazione ad ostacolare la prevenzione, ma più spesso la paura di scoprire che qualcosa non va. Ecco perché la Komen non vuole solo informare le donne, ma soprattutto renderle protagoniste della prevenzione, favorendo un atteggiamento culturale più positivo ed aperto nei confronti di queste malattie.
L’iscrizione alla Race prevede un contributo minimo di 10 euro per gli adulti e 6 euro per i bambini; tutti i fondi ricavati saranno destinati al finanziamento di progetti di educazione, prevenzione e cura del tumore del seno in Italia.
Per maggiori informazioni si può visitare il sito www.raceforthecure.it o contattare la Komen Italia onlus allo 0630155445.