La Kostner in pantaloni incanta sul ghiaccio e prenota il mondiale

Chi voleva vedere le sue lunghe gambe muoversi sinuose sui pattini sarà rimasto deluso, ma la nuova Carolina ha voluto così. Per esaltare la sua femminilità, o forse solo per sorprendere un po', ieri ha esordito ai campionati mondiali di Göteborg, in Svezia, sfoggiando un completino intero top-pantaloni, il serioso nero punteggiato di strass. Il risultato è stato strepitoso: dopo il programma corto la ventunenne gardenese guida la classifica davanti alla favorita della vigilia, la giapponese Mao Asada, vicinissima e pericolosissima con un ritardo minimo di 18 centesimi di punto, mentre tutte le altre sono lontane, a oltre tre punti.
Grande esordio. Carolina ha danzato sul ghiaccio in modo quasi perfetto, l'unico errore all'atterraggio di un triplo è stato salvato e mascherato con maestria, altro che sedere in terra, il passato insegna sempre qualcosa, degli errori bisogna fare tesoro e allora eccola la nuova Carolina, più donna, più matura, più brava anche... in pantaloni. Ai giudici è piaciuta e questo, in fondo, è ciò che conta.
Oggi prova della verità. Con il programma libero, lo stesso proposto ai vittoriosi campionati europei di Zagabria a fine gennaio, dove vinse pur senza essere perfetta perché in Europa, da due anni ormai, Carolina non ha rivali. Ma il Mondiale è un'altra cosa. Le atlete orientali facevano e fanno paura, da ieri forse un po' meno, però.
«Non sono sorpresa di trovarmi davanti a tutte, per mesi ho lavorato con questo obiettivo e ci ho creduto. Ora mi spiace solo di dover chiudere con il programma proposto in questa stagione, è molto bello e molto speciale, ma per il futuro voglio qualcosa di nuovo e di ancora più speciale».
Sulle musiche di Antonin Dvorak, la Kostner pattinerà oggi nell'ultimo gruppo, con lei le cinque atlete che la seguono in classifica, la tensione sarà al massimo, ma ultimamente Carolina ha dimostrato di saper reggere alla grande il ruolo di favorita. Da Torino 2006 sono passati due anni, il cerbiatto spaesato e instabile sulle gambe di allora è diventato grande, sicuro, spavaldo quasi. Ieri la Kostner ha proposto un programma corto molto coraggioso e l'audacia è stata premiata con un punteggio eccezionale, 64,28, quasi cinque punti in più di quanto ottenuto agli europei di Zagabria, 3 punti in più del suo miglior risultato stagionale.
Sembra in grande forma Carolina, carica come mai, con mamma e papà fra i tifosi speciali che l'hanno seguita in Svezia, vive tranquilla queste sue giornate che potrebbero diventare storiche per il pattinaggio italiano. Sul podio mondiale è già salita una volta, nel 2005, medaglia di bronzo, le ultime due edizioni dei mondiali sono state invece un fallimento, 6° posto un anno fa a Tokio, 11° nel suo orribile 2006 a Calgary.
«Voglio la perfezione in gara, la stessa che riesco a creare in allenamento. Anche le altre possono sbagliare, nessuno è imbattibile» aveva detto Carolina alla vigilia dell'impegno più importante della stagione. Sì, è davvero un'altra donna quella che oggi punta a entrare nella storia.

TV: su EuroSport ore 20