Kouchner «Partita aperta, circolano tanti nomi»

«Per il momento non c’è nessun favorito, ci sono dei nomi che circolano». Il ministro degli Esteri francese Bernard Kouchner parla della «personalità forte» che vorrebbe vedere alla presidenza dell’Unione Europea e sembra di capire che il belga Van Rompuy non lo convinca. Ma è chiaro che questa situazione aperta si riflette anche sull’altra partita in corso, quella per «Mister Pesc»: le due nomine sono interconnesse e il destino della candidatura di D’Alema dipende anche da quelle di Blair, Van Rompuy o Juncker.