Krzystof ammazzato per appena 15 euro

È stato ucciso per 15 euro, Krzystof Wolinski, il clochard polacco di 43 anni, trovato morto venerdì pomeriggio nei giardini di Poggio Ameno, sulla Laurentina, da due ragazzi che passeggiavano con il cane. I suoi assassini sarebbero due connazionali, Ianusz Lipski di 40 anni e Marek Grala di 23, anche loro senzatetto, fermati dagli agenti della sezione Omicidi della Squadra Mobile, nell’ambito dell’indagine coordinata dal pm Giovanni Bombardieri. I due sono stati trovati e bloccati nella tarda serata di venerdì in un parco di via Ballarin, dove si erano accampati per trascorrere la notte. A loro gli investigatori sono arrivati dopo avere ascoltato varie persone le quali avevano raccontato di avere sentito una lite animata nel pomeriggio di giovedì. «I tre - hanno spiegato Alberto Intini, capo della Mobile ed Eugenio Ferraro, alla guida della Omicidi - erano conosciuti perché si prestavano a fare piccoli lavoretti per racimolare qualche soldo. Proprio la mattina dell’omicidio, Wolinski, Grala e il figlio di Lipski, avevano aiutato il parroco della chiesa del posto a spostare dei vasi e annaffiare i fiori. Il sacerdote come compenso aveva dato alla vittima 15 euro da dividere con i suoi connazionali. Ma l’uomo avrebbe tenuto per sé il denaro, con la scusa di averlo spedito alla famiglia in Polonia, per comprarsi, invece, da bere». La lite, dunque, sarebbe iniziata quando i suoi connazionali gli avrebbero chiesto la loro parte. Degenerando fino all’assassinio».