L’abito nuziale? Adesso vede nero

Se è vero che il bianco un tempo era il colore del lutto, non deve stupire che la moda nuziale, sempre a caccia di novità, quest’anno, scelga il nero per l’abito da sposa. È solo una delle nuove tendenze protagoniste di «Iosposa», salone dedicato al matrimonio da oggi al 7 ottobre alla Fiera di Roma. «La sposa moderna ha voglia di trasgressione - dice Gabriella Giamminola, ideatrice e curatrice del Matrimonio dei Sensi, spazio-evento del salone -. Aumenta il numero delle donne che arrivano all’altare dopo la convivenza, a volte incinte. E il pancione, che, prima veniva nascosto con abiti ad hoc, ora è ostentato con linee sagomate». La sposa affronta il giorno del matrimonio come una festa da godere appieno e predilige vestiti più semplici, anche corti per mettere in mostra le gambe. E con il vantaggio supplementare di essere riutilizzabili. Se il nero totale è per poche, molto diffuso è il suo abbinamento con il bianco, a richiamare la promessa di fedeltà «nella gioia e nel dolore, nella salute e nella malattia». Tra le novità pure nuance di grigio a illuminare i tessuti, monospalla o scollature all’americana, schiene nude valorizzate da fiocchi, ricami, lunghi strascichi e gipsy style con merletti e ruche. Per lui, completi che abbinano lo stile dandy a tagli aderenti, in nero, bronzo, ecrù, melanzana e tessuti cangianti.
Si cambia anche nei fiori. La purezza dei fiori d’arancio lascia il posto alla felicità dell’artemisia, alla fedeltà dell’edera, all’impegno del nontiscordardime e all’amore immortale dei fiori di pesco. Per la fede bene tutti i materiali, dall’oro al platino, fino a quella tatuata, diffusa soprattutto tra i più giovani. Il cerchio, simbolo di armonia, lascia il posto alla forma quadrata, che rappresenta la stabilità. Ma sono i particolari quelli che fanno la differenza: dal buffet, tradizionale o di sushi, alle bomboniere, in argento mono-confetto, in bustine di seta, con piccole creazioni artigianali o mini-sculture; dalla torta multistrato con decorazioni d’artista al trucco. E alla lingerie. «Per la prima volta - dice Giamminola - sono esposti completini sexy, perfino in merletto nero con grembiule e crestina, per chi ha voglia di giocare con la propria sensualità».