Al via l’accordo tra Enel ed Edf

da Roma

Tutto pronto per la firma dell’accordo tra Enel ed Edf. Oggi sarà a Roma il presidente del colosso elettrico francese Pierre Gadonneix, atteso a Palazzo Chigi in mattinata e alla sede dell’Enel di viale Regina Margherita nel pomeriggio, dove siglerà l’intesa con il neoamministratore delegato Fulvio Conti. L’accordo, la cui conclusione ha subito un’improvvisa accelerazione dopo il vertice Italia-Francia di gennaio a Roma, consentirà all’Enel di entrare nel mercato elettrico francese (con una quota tra il 2% e il 3%) e di partecipare al nucleare di nuova generazione. Si tratta del progetto Epr (European pressorized water reactor): la costruzione del primo reattore di questo tipo, ha ribadito proprio nei giorni scorsi Edf, inizierà come previsto alla fine del 2007, per essere ultimata entro il 2012. Con una quota pari a circa il 10%, l’Enel dovrebbe prendere parte sia alla realizzazione del primo prototipo che a quella delle centrali successive. A parte il nucleare, tornato al centro dell’attenzione dopo le dichiarazioni del ministro delle Attività produttive, Claudio Scajola all’assemblea di Confindustria, nell’intesa rientrano anche la possibilità di acquisto da parte dell’Enel di circa un terzo di Snet (terzo produttore di energia elettrica in Francia controllato da Endesa con una quota del 65%) nonché la cessione da parte di Edf di siti produttivi.
L’appuntamento di oggi segna anche l’inizio ufficiale dell’era di Fulvio Conti quale amministratore delegato dell’Enel. Per oggi, è stato infatti convocato il consiglio di amministrazione che dovrà eleggere il top manager designato dal dicastero dell’Economia a succedere a Paolo Scaroni alla guida del quarto gruppo elettrico mondiale. Il nuovo consiglio di amministrazione sarà composto da 9 membri: insieme a Conti e al presidente Piero Gnudi, vi siederanno Fernando Napolitano, Gianfranco Tosi, Alessandro Luciano, Giulio Ballio, Augusto Fantozzi, Francesco Valsecchi e Francesco Taranto.

Annunci

Altri articoli