L’accusatore di Andreotti specialista in narcotraffico

Gaspare Mutolo. Un ladruncolo qualsiasi fino al 1965, dopodiché in carcere entra nelle grazie di Totò Riina e poi di Saro Riccobono, boss di Partanna e Mondello, suo futuro luogo d’azione. È uno dei più feroci killer (oltre trenta omicidi) e narcotrafficanti di Cosa Nostra, viene condannato per i reati più disparati e infamanti. Condannato a 16 anni per mafia, decide di pentirsi nel 1991. In breve tempo diventa un infausto protagonista di numerosi processi, tra cui quello al senatore Giulio Andreotti, dove rilascia dichiarazioni spesso non suffragate da riscontri.