L’Acea: «Rimborsato subito il pensionato che protestava»

Riceviamo e pubblichiamo
In merito all’articolo pubblicato ieri a pagina 37 della cronaca di Roma e dal titolo «Niente rimborso: cruenta protesta di un pensionato allo sportello», Acea precisa che l’azienda aveva già provveduto a emettere una nota di credito verso il cliente in data 21 marzo 2006 e, di conseguenza, ha inviato per raccomandata l’assegno postale all’indirizzo indicato dall’utente in data 20 maggio 2006.
In seguito al mancato recapito, e dopo segnalazione del cliente, è stata avviata una procedura di riaccredito del rimborso, che sarebbe giunta a destinazione per i primi di settembre poiché nel mese di agosto non vengono emessi assegni per evitare i mancati recapiti causa assenza da ferie. Tuttavia, considerata la particolarità della situazione Acea ha già provveduto al rimborso questa mattina.
Grazie per la collaborazione