L’acqua arriverà alla Fiera di Rho: collegamento coi Navigli nel 2012

Portare l’acqua nella zona interessata dall’Expo collegando il polo Rho Fiera con la Darsena di Milano, incrementare questo bene indispensabile e valorizzarlo a fini agricoli, energetici e ambientali oltre che per il tempo libero. Sono questi gli obiettivi del progetto di valorizzazione del canale Villoresi che, lungo 86 km, collega il Ticino all’Adda e viene utilizzato dal Consorzio Est Ticino Villoresi per la distribuzione dell’acqua, insieme al sistema dei navigli e alcuni canali minori. Sarà l’intera rete idrica in mano al Consorzio, vicina ai 4mila km, a essere interessata da questo piano di lavoro che, assicura il direttore generale Maurizio Galli, sarà attuabile rapidamente: entro il 2012.
Elemento chiave del progetto è il recupero strutturale e architettonico del monumento idraulico di Panperduto. Restauro da 13 milioni di euro indispensabile per garantire la disponibilità idrica, ma che risponde anche al proposito di valorizzare gli edifici idraulici a fini turistici e museali. Altro intervento importante è il rivestimento del canale Villoresi, già in corso, e il riordino dei 3.500 km di canali secondari per portare l’acqua solo dove necessario. A garantire una migliore gestione dei periodi di siccità sarà invece la costruzione di quattro piccole dighe di regolazione, per le quali verranno investiti due milioni di euro.
A questi interventi ne verranno affiancati altri che mirano a diffondere modalità innovative di fertirrigazione, utili anche a limitare l’inquinamento. Infine l’ambizione è quella di realizzare lungo il canale un parco lineare con piste ciclabili e pedonali immerse nel verde, sfruttabili anche a scopi turistici. In quest’ottica a Chignolo Po verrà realizzato, entro il 2010, il Museo della bonifica, mentre nel 2011 sarà pronto, a Parabiago, il Museo didattico dell’irrigazione.
Dunque un progetto che mira a cogliere l’occasione offerta dall’Expo per realizzare un intervento che resti nel tempo.