Con l’addio di Mussi il Pci si fa in quattro

E quattro! Con l’annuncio dato da Mussi il «Correntone» potrebbe abbandonare i Ds per dare vita ad un’altra formazione politica che, sempre a sinistra, stringa legami più stretti con le forze radicali. Sommando quindi i due partiti che già nel nome esprimono la loro vocazione comunista, i diessini e questo nuovo soggetto politico targato Mussi e Salvi, si raggiunge il bel numero di quattro formazioni politiche che hanno nel loro Dna il codice genetico del vecchio Pci e che pescano voti nel laghetto che funziona da serbatoio voti dell’ex Pci. Viene da chiedersi quanto debba essere difficile l’edificazione del socialismo reale. Dopo l’implosione dell’Unione Sovietica anche il Partito comunista più forte di tutto l’Occidente, il Pci, è arrivato, di scissione in scissione, alla situazione attuale dove a contendersi l’eredità comunista saranno ben quattro soggetti politici. Tutto ciò dà la misura di quanto debba essere difficile il cammino del Sol dell’Avvenire. Tanto difficile che, come insegna la storia e ora anche la cronaca, diventa pura utopia.