L’Aeronautica acquista 14 aerei M-346

da Milano

Decolla il programma AleniaAermacchi M-346, relativo ad un nuovo velivolo militare d’addestramento. E se il bilancio della Difesa piange, è pronto ad intervenire il ministero dello Sviluppo economico (Mse), che finanzierà l’acquisizione di 14 velivoli per l'Aeronautica Militare. Lo ha detto il sottosegretario alla difesa Lorenzo Forcieri. Del resto lo sviluppo dell’M-346, un velivolo molto sofisticato, è già stato in larga misura pagato dal Mse, compresa la realizzazione dei 3 prototipi. Ora sarà possibile lanciare la produzione di un primo lotto di aerei di serie, che saranno consegnati dal 2009.
La forza armata nazionale riceverà un prodotto all’avanguardia, e AleniaAermacchi, società di Finmeccanica guidata da Carmelo Casentino, potrà offrire sui mercati internazionali un aereo la cui produzione è certa e che è stato ordinato dalla forza aerea di casa. Due requisiti indispensabili quando si vuole vendere un prodotto militare. Infatti gli Emirati Arabi Uniti, che vorrebbero una quarantina di aerei, hanno detto chiaramente che se l’Italia non avesse ordinato l’M-346, l’aereo di AleniaAermacchi non sarebbe stato preso in considerazione.
Oltre che agli Emirati l’aereo interessa molto alla Grecia e alla Polonia e potrebbe diventare lo standard europeo. Per non parlare di quei Paesi che vogliono la versione armata dell’M-346, che è stato progettato per svolgere un doppio ruolo. Non solo, l’M-346 diventa ora un contendente credibile per il futuro requisito statunitense per un nuovo addestratore e Finmeccanica ha condotto i primi sondaggi per trovare un partner. La Boeing è il socio naturale.