Per l’Afghanistan 20 miliardi di dollari

Parigi. Circa 20 miliardi di dollari sono già stati promessi dalla comunità internazionale riunita ieri a Parigi per la ricostruzione dell’Afghanistan. L’obiettivo della conferenza, a cui hanno partecipato 80 esponenti di Paesi e istituzioni internazionali, era di raggiungere almeno i 15 miliardi. Soldi, questi, che saranno investiti nei prossimi anni per migliorare la sicurezza del Paese, le infrastrutture, l’educazione e l’agricoltura, ma che dovranno essere usati dal governo afghano con «trasparenza». È l’ammonimento del segretario generale dell’Onu Ban Ki-Moon che ha invitato il presidente Hamid Karzai ad impegnarsi nella «lotta contro la corruzione», grave piaga dell’Afghanistan che ha rischiato di tenere lontano da Parigi parte dei potenziali donatori.
Il contributo degli Stati Uniti, il più consistente, sarà pari a 10,2 miliardi di dollari: Washington sosterrà anche una parte significativa delle spese per per le elezioni presidenziali e parlamentari del 2009 e 2010, che costeranno 475 milioni di euro. L’Italia donerà 150 milioni di euro.