L’Alitalia sceglie bollicine Muratori

Si mangia e si beve bene, coccolati, nelle prime classi delle principali compagnie aeree ad alto costo, non a caso quella dell’Alitalia si chiama Magnifica. Da poco i responsabile della compagnia di bandiera italiana hanno curato la cantina di bordo sulle rotte internazionali confermando per il secondo anno le bollicine metodo classico della Fratelli Muratori in Franciacorta, www.fratellimuratori.com, cantina bresciana con una particolare attenzione al cosiddetto rapporto qualità/prezzo. Dei sei Franciacorta Villa Crespia, l’attenzione si è concentrata su tre in particolare: Numerozero (perché a dosaggio zero), Cesonato Saten e Novalia. La scelta alla fine è caduta sul Novalia, così chiamato per la freschezza del prodotto e perché i vigneti a Chardonnay sono i più recenti, nuovi. Prodotto in 80mila bottiglie, lo si trova in enoteca a 15/16 euro (il Cisiolo, il più caro, è un Pinot Nero come il Novalia è Chardonnay 100 per cento). Ha spiegato Francesco Iacono, responsabile del progetto: «Se un cliente, gradite le nostre bollicine, non le comprasse perché troppo care, per noi sarebbe un fallimento».