L’allenatore nell’iPod per stare in forma con il tecno-jogging

«Per gli esercizi è fondamentale la scelta della musica»

La ragazza fa footing nel parco indossando una tutina sexy. Improvvisamente una voce decisa la fa sobbalzare: «Piegati e allarga le gambe...». Per sua fortuna non si tratta di un maniaco sessuale, ma di un personal-trainer che le sta indicando gli esercizi tramite le cuffiette dell’inseparabile iPod. Se infatti una volta - grazie a Lino Banfi - c’era «l’allenatore nel pallone», ora - grazie a Sean O'Malley - c’è «l’allenatore nell’iPod». L’idea di scaricarti il «programma ginnico» in un lettore Mp3 è venuta infatti a questo ex rugbista, laureato in fisiologia con specializzazione in dietologia. La solita «americanata»? Forse sì, anche se non bisogna dimenticare come una cosa nata su internet diventi immediatamente fruibile in ogni parte del mondo. E infatti pure in Italia non sono pochi quelli che sognano di «tornare in forma» con l’aiuto della voce di un esperto che ti martella nelle orecchie. Una novità illustrata dalle pagine di Men’s Healt che nel nostro Paese è considerato un po’ la bibbia del benessere fisico: «È stato lui, Sean O'Malley, a inventare CardioCoach, un sito web che propone programmi di cardiofitness per gli appassionati di corsa e ciclosimulatori».
«L'idea - testimonia Super Sean - mi è venuta quando per dieci mesi sono stato il coach dell'amministratore delegato di un’importante azienda. Per i giorni in cui era in viaggio per lavoro, gli preparavo una scaletta di esercizi da fare in hotel o anche sul suo jet privato. Allora ho pensato: perché non digitalizzare tutti questi efficacissimi programmi per chi deve allenarsi tra un impegno e l'altro?». Un esempio seguito, in breve tempo, da molti altri. Risultato: questa forma avanzata di tecno-jogging è diventata l’ultima moda in tema di «lezioni» alternative, tra le quali c’è solo l’imbarazzo della scelta. Per essere aggiornati su tutte basta andare alla Fortezza da Basso dal 24 al 28 maggio, dove andrà in scena un Festival del Fitness tanto dinamico da far sudare anche da fermi. Uno spettacolo che marca la crisi delle palestra, caratterizzate oggi dall’aumento ipertrofico dei prezzi di iscrizione e frequenza ai corsi. A venir meno, soprattutto tra le donne, è anche il traino delle star del piccolo schermo, abituate ormai a farsi scolpire il corpo attraverso i ritocchi grafici che - per calendari, copertine e pubblicità - vengono garantiti dai maghi della fotografia. Due esempi per tutti: i falsi addominali di Simona Ventura su una recente copertina di Vanity Fair e il seno clamorosamente rimaneggiato di Elisabetta Canalis per una réclame della Tim.
Corpi, forme e curve manipolate artificialmente alle quali si contrappone la filosofia «natural» del Festival del Fitness che punta sull’armonizzazione delle tendenze. Ad esempio a Firenze sarà presentata per la prima volta Pilates, la disciplina molto popolare fra gli attori di Hollywood e portata alla ribalta da Madonna: un perfetto coinvolgimento della mente e del corpo che coniuga la ginnastica a corpo libero a movimenti dello yoga. Ginnastica «hard», invece, con Gunnar Peterson, il personal trainer più famoso al mondo che il 24 maggio parteciperà al convegno «Il fitness che verrà». Gunnar Peterson ha trasformato la sua villa di Hollywood, nella palestra più esclusiva al mondo: da lui si allenano Angelina Jolie, Sylvester Stallone, Jennifer Lopez, Ben Affleck e tutti i grandi campioni dei Los Angeles Lakers.
Oggi il fitness si propone come un vero e proprio stile di vita messo in atto da milioni di persone che combina il movimento, una corretta alimentazione ma anche divertimento, musica, moda, viaggi e relazioni sociali. In Italia sono 17 milioni le persone che praticano sport più o meno saltuariamente mentre 8 milioni di nostri connazionali frequentano abitualmente 7.500 palestre e 4.500 piscine.
Ma torniamo all’ultima frontiera dell’iPod-fitness. Il primo innegabile vantaggio è quello di avere un personal trainer in uno scatolino di pochi centimetri che ti dà la possibilità di fare i tuoi esercizi in qualsiasi posto e con qualsiasi disponibilità di tempo. Varie le opportunità offerte dal mercato: «Gymp3», società californiana nata pochi mesi fa, offre un efficace programma d'allenamento della durata di soli 5 minuti, realizzato da Kathy Kaehler, guru americana del fitness e personal trainer tra gli altri di Michelle Pfeiffer, Cindy Crawford e Claudia Schiffer. La sua serie di esercizi da 5 minuti «Quickp3» è riuscita ad appassionare Julia Roberts e Kim Basinger, che hanno dichiarato di utilizzarla sul set per mantenersi in forma durante le pause tra una scena e l'altra.
«Il personal trainer nel tuo iPod ti permette di restare in allenamento anche se non hai tempo per frequentare la palestra - sottolinea su Men’s Health Grace Lazenby, fondatrice della società iTrain -. Ma c'è anche un altro vantaggio, di tipo economico: i nostri programmi ti permettono di allenarti con un personal trainer d'eccezione senza spendere i canonici 200 dollari l'ora». Affermazione confermata dallo staff di «Podfitness», ultima nata nel mondo dell'offerta di trainer virtuali: i personal trainer che ne fanno parte sono infatti alcuni tra i più noti degli Stati Uniti. E lavorano tutti a Hollywood: come Jeanette Jenkins, che si occupa dei muscoli di Queen Latifah; o Nancy Kennedy, allenatrice di Jennifer Lopez e Kevin Costner; o ancora Bobby Strom, coach personale di Britney Spears.
«Così noi diamo l'opportunità a chiunque di potersi allenare con un trainer di primissimo livello - conferma Alan Winters, vicepresidente di Podfitness -. Negli Stati Uniti l'80% delle persone si allena in palestra da sola. Il 15% segue lezioni di gruppo e il restante 5% ha un personal trainer. Noi diamo istruzioni a quell'80% che di solito lavora senza alcuna guida». E il pioniere Sean O'Mally aggiunge: «I nostri programmi sono motivazionali. Ti stimolano a spostare in là i tuoi limiti sportivi, a sfidarti continuamente, vincendo soprattutto la noia che può assalirti mentre corri da solo». Una forma di «energia psicologica» che nasce anche dalla musica che accompagna i vari esercizi: un servizio a cui le varie società Internet prestano moltissima attenzione. CardioCoach, ad esempio, ha un suo repertorio musicale realizzato ex novo in collaborazione con un esperto di musica; Podfitness ha invece siglato un accordo con Power Music; mentre Gymp3 ha ottenuto i diritti per l'utilizzo di pezzi di noti dj.
In Italia Linus e Albertino stanno già «scaldando» muscoli e microfoni.