L’amante della ballerina: «Mi ricattava, l’ho uccisa»

È stata uccisa per motivi passionali Oksana Auskelyte, la ballerina ventisettenne di lap dance il cui corpo è stato trovato l’altro ieri dentro una valigia abbandonata in un cassonetto della spazzatura a Serravalle Pistoiese. Nel giro di ventiquattrore gli uomini della squadra Mobile di Pistoia hanno arrestato Andrea Falaschi, piastrellista di 35 anni e ultimo compagno della lituana. L’uomo ha confessato di averla uccisa al culmine di una lite.
Falaschi ha raccontato che l’omicidio è avvenuto nella notte tra giovedì e venerdì nel suo appartamento di Montecatini. Dopo averla colpita alla testa con una bottiglia, l’avrebbe accoltellata a un fianco e poi soffocata con un sacchetto di plastica in testa. L’uomo sarebbe quindi andato a casa della vittima per prendere la valigia all’interno della quale è stato poi ritrovato il cadavere.
I due, secondo quanto ricostruito dagli investigatori, avevano una relazione da circa due settimane dopo essersi conosciuti nel locale di Lastra a Signa (Firenze) dove la ragazza ballava. L’uomo ha raccontato che la lite sarebbe scoppiata perchélui voleva lasciarla e lei lo avrebbe ricattato minacciando di raccontare alla sua fidanzata quella relazione clandestina. Gli amici della donna dicono invece che Falaschi fosse molto geloso e possessivo.