L’Anci: «L’esecutivo ci ha truffati»

Roma. È finito malissimo l’incontro tra i governo e i Comuni sui finanziamenti pubblici previsti dal prossimo Dpef. «Il governo ci ha chiesto un sacrificio di sette miliardi, quattro da risparmi e tre da tagli. Sono richieste insopportabili», commentano i vertici dell’Anci, l’associazione che riunisce i Comuni italiani. Più duro il vicepresidente Osvaldo Napoli: «Se il governo non apre sugli avanzi di amministrazione, di Dpef non si parla nemmeno. Questa è una truffa ai danni dei Comuni».