L’anima di Antonacci si svela al pubblico del Carlo Felice

L'anima intima di Biagio Antonacci? Salirà sul palco del Teatro Carlo Felice. La tappa genovese, venerdì prossimo, fa parte del circuito dei concerti nei teatri (il cantante milanese è tornato ad esibirsi dal vivo in teatro dopo 10 anni), dedicato alla linea più melodica del repertorio mostrando, sia sotto il profilo musicale che umano, la sua anima intima.
La nuova tournée di Biagio «Il Cielo ha una porta sola» è stata divisa in due parti: la prima avrà come cornice i principali teatri italiani, scelti per la dimensione, perché più intimi, più raccolti, più in sintonia con il mood introspettivo dell'ultimo album. La seconda tranche di concerti, dal 13 marzo prossimo, si svolgerà nei palasport della penisola, dove l'anima rock di Antonacci sarà la protagonista.
«Il Cielo ha una porta sola» è anche il nome del suo ultimo cd e del singolo che ha aperto la strada al suo nuovo lavoro discografico. Antonacci ha scelto un'intensa ballata rock, caratterizzata da un crescendo emotivo e musicale che parte da un'emozionante intro piano-voce, fino al climax finale di chitarre e archi. Il pezzo narra di un amore non del tutto corrisposto ma così grande da bastare a se stesso; un forte sentimento che non chiede, che lascia tempo e spazio scontrandosi a volte con la distanza e l'apparente incomunicabilità ma che aspetta comunque speranzoso, che una porta sia aperta, quella del cielo. Nel suo ultimo album ci sono, inoltre, pezzi storici come «Quanto tempo e ancora», «Iris», «Pazzo di Lei» e «Sappi amore mio», che sono riproposti dando maggior risalto alla musica e agli strumenti, riuscendo così a creare atmosfere più calde in cui i suoni risultano più avvolgenti e morbidi, quasi sussurrati. Una rivisitazione che raggiunge l'apice nella nuova versione di «Sognami» in cui, la voce di Biagio si intreccia, in un duetto unico e originale, con quella splendida e graffiante dell'attrice Claudia Cardinale interprete di alcuni suggestivi incisi in francese.
Nel tour teatrale Antonacci ha la possibilità di proporre brani mai interpretati durante i suoi ultimi spettacoli ambientati negli spazi più grandi. Biagio, per l'occasione, suonerà tutti gli strumenti: chitarra, basso, batteria, pianoforte, tastiere vintage, djembe e batteria e ad accompagnarlo ci sarà un solo musicista, Saverio Lanza alla chitarra, per raccogliere con l'essenzialità che da sempre lo contraddistingue, le emozioni più profonde che appartengono al suo repertorio più intimo.