L’anima gemella ora si cerca con il computer

Alma Minghi

Il Club Doney, luogo cult della Roma mondana, ha ospitato sabato «The Celebrity Single Night», serata organizzata per festeggiare il primo anno di attività di OneMeet, primo portale nazionale di Dating. Quest’ultimo favorisce la comunicazione tra i sessi abbattendo le distanze, dando a tutti la possibilità di potersi mostrare sinceramente senza avere timori e paure che di solito si incontrano quando ci si trova di fronte a una persona. Da tre mesi l’Italia è protagonista di una nuova realtà: la formazione delle coppie è affidata a un cervello elettronico, quello di OneMeet, una community che attraverso una selezione, aiuta i cuori solitari a trovare l’anima gemella. L’industria del Dating è un fenomeno in continua ascesa. Gli utenti attivi sono 700mila e il 30 per cento delle coppie italiane nasce da incontri sul web. OneMeet, ideato da Daniele Milani e Paolo Massari, dà un prodotto di qualità garantendo un ottimo servizio agli iscritti che possono comunicare tramite mail o utilizzare la chat interattiva. Il sistema ha il pregio di favorire nuove conoscenze, sia per chi ha voglia di nuove amicizie sia per chi vuole costruirsi una propria vita sentimentale. Dal 10 luglio OneMeet lancerà una sfida ai colossi del settore, con una versione internazionale al fine di portare un’azienda italiana ai vertici del Dating mondiale. La nostra sfida - dicono Milani e Massari - è diffondere questo nuovo modo di fare incontri tra la gente. Conoscere una persona on line è una realtà che sta coinvolgendo l’intero Paese. Non resta che procurarsi un computer, sperando di essere protagonisti di una grande storia d’amore.