L’annata record Dopo una vendemmia super pronti a stappare le bottiglie di Rossese «Maixei»

Il Rossese di Dolceacqua è un vino rosso asciutto. Ha odore vinoso ma fruttato e fragranate da giovane, si fa ampio, persistente, con sentori delicati di ciliege cotte e di rosa lievemente appassita. Quando è all’apice diventa etereo, con lievi sentori di resine boschive e di piante aromatiche. Il sapore è equilibrato leggermente asciutto con lievissima vena tannica ed una gradazione alcolica che si aggira intorno ai 13 gradi.
Il Rossese Superiore, è invece un vino invecchiato dodici mesi in botte che per l’annata del 2007 verrà messo in vendita solo dal primo di novembre. Il suo colore è rosso rubino con tonalità granata. Se troppo affinato o vecchio, tende al granato scarico con orlo giallognolo. Dal sapore morbido, sapido, leggermente caldo, continuo, vellutato con piacevole e tipico fondo amarognolo. Il Superiore, che va conservato coricato, ha un tasso alcolico di 14 gradi.
I viticoltori del ponente ligure che si riconoscono nel marchio «Maixei», termine dialettale che indica i muretti a secco che sorreggono le terrazze, producono le loro in media collina su pendii sostenuti dai muretti a secco fino ai 600 metri con coltivazione ad alberello. La produzione è molto limitata e conta 55mila bottiglie annue.