L’ansia aumenta il rischio d’infarto

La depressione favorisce l’infarto e, nei soggetti che ne sono già stati colpiti, triplica il rischio di morte. Il 40% dei pazienti cardiologici, inoltre, soffre di ansia e disturbi dell’umore. Sono i primi risultati di una ricerca condotta all’ospedale Molinette di Torino dalle equipe del reparto di cardiologia diretto da Sebastiano Marra e della struttura di psicologia clinica di Riccardo Torta. La depressione è un fattore di rischio perché è una malattia sistemica. Non cambia solo l’umore ma anche il metabolismo e alcuni aspetti del sistema vascolare. Quindi, «nei pazienti cardiologici è bene correggere le patologie legate all’ansia, perché in questo modo si aumenta la sopravvivenza» spiega Torta.