«L’anti-Veltroni? Serve un moderato»

Nel dibattito interno al centrodestra sulla scelta del candidato alle elezioni comunali della prossima primavera, dopo gli interventi di esponenti di Alleanza Nazionale volti a chiedere lo svolgimento di primarie, è la volta di Forza Italia. Che dice la sua per bocca di Giampaolo Sodano, coordinatore romano del partito. Che rivendica innanzitutto il diritto di Forza Italia alla scelta del nome da opporre a Veltroni, perché «è il partito a Roma e nel paese che svolge il ruolo di cerniera politica nella coalizione e perché ha una vocazione di centro nell’interno sistema politico». E boccia i nomi di Baccini e Alemanno, apprezzabili come ministri ma non adatti al ruolo.