L’antico acquedotto si fa bello

Comune e Provincia di Genova, Regione Liguria, Università e Direzione regionale per i beni culturali insieme per salvare e valorizzare l’antico acquedotto genovese. Gli enti, insieme al Municipio Val Bisagno e alle associazioni, hanno sottoscritto ieri mattina un protocollo d’intesa per tutelare questo patrimonio.
L’iniziativa è stata presentata dall’assessore regionale Fabio Morchio, provinciale Renata Briano e comunale Roberta Morgano. Nell’ambito della pianificazione progettuale sono previsti interventi prioritari che saranno realizzati entro l’estate: la realizzazione della passerella di collegamento tra l’Acquedotto e il Ponte sifone sul Geirato e il recupero del percorso pedonale compreso tra via delle Ginestre e la galleria San Pantaleo e del Fossato Cicala. I lavori costeranno 300 mila euro, cofinanziati dalla Regione. Altri lavori saranno realizzati nell’ambito del programma triennale 2008-2011 del Comune. In particolare sono già finanziati, per un totale di 200 mila euro, l’installazione della cartellonistica tra via delle Ginestre e il ponte sul Geirato, il completamento del restauro della casa dei filtri al Geirato e la sistemazione delle aree di sosta.
Il protocollo d’intesa prevede inoltre la costituzione di una tavolo di coordinamento che definisca un programma unitario non solo di recupero, ma anche di valorizzazione e di promozione turistica e culturale dell’acquedotto storico.