L’applicazione reale: incrementi «seriali»

La revisione catastale è stata eseguita dall’Agenzia del territorio di Milano sulla base di una previsione normativa facoltativa contenuta nella legge finanziaria del 2005. Per le associazioni dei proprietari comporta «operazioni di natura prevalentemente seriale». Lo segnala Assoedilizia, secondo la quale dalle visure catastali effettuate su alcune delle unità immobiliari oggetto di revisione «si rileva come ci si trovi in presenza di operazioni prevalentemente “seriali”; consistenti in trasposizioni sistematiche da una categoria catastale ad altra più qualificante (le A4 in A3; le A3 in A2; le A2 in A1) con incrementi delle rendite fino al 100 per cento, e anche oltre». Secondo le associazioni dei proprietari aumentano «anche le rendite di immobili per i quali, non potendosi mutare la categoria, cambia comunque la classe (ad esempio le A10)». Insomma, i valori crescerebbero «in automatico».