L’arbitro di Parigi: «È stato un errore espellere Lehmann»

Oslo. «Il giorno dopo devo riconoscere d'aver fischiato con troppa fretta». Terje Hauge, arbitro norvegese della finale di Champions tra Barcellona e Arsenal, ammette di essere stato precipitoso nel decidere l'espulsione del portiere dell'Arsenal Lehmann, scelta che ha privato gli spagnoli di un gol regolare. «Sarebbe stato meglio se avessi atteso di vedere dove finiva la palla» ha detto in una intervista al canale radio NRK. «Quatto o cinque secondi dopo la palla è finita in rete - ha detto Hauge - ma ormai avevo fischiato e non potevo più tornare indietro. Era inevitabile l'espulsione per il portiere e la punizione a favore del Barcellona». Ma un portavoce dell'Uefa ha assicurato che «da un punto di vista tecnico l'espulsione è stata assolutamente corretta».