L’archetipo di tutti i suoni viene da Est

da Milano

Il suono si ripete, con le stesse cadenze, la voce che culla la mente e ti apre orizzonti lontani e perduti. Il mantra è una canto di libertà che arriva da Oriente, come il vento, come il viaggio profondo nell’anima, oltre la prigione della carne, del corpo. Mantra è una parola che viene dal sanscrito e nasce dall’unione di manas (mente) e trayati (liberare). La ripetizione delle sillabe crea l’effetto cantilena. Il mantra più conosciuto è Om (Aum). In Tibet molti buddhisti incidono i mantra nella roccia come forma di devozione. Il loro uso varia a seconda delle scuole spirituali o delle filosofie. Vengono utilizzati come amplificatori spirituali, parole e vibrazioni che inducono nei devoti una graduale concentrazione. Ma nella loro concezione c’è anche qualcosa di magico e sacro, un rituale divino, che può servire a scacciare i demoni, ad accumulare ricchezza, a scongiurare pericoli o a eliminare i nemici. L’origine è in India, all'interno dell'Induismo vedico e nel Jainismo.
I mantra sono archetipi della realtà. Il mantra fondamentale è Aum, noto nell'induismo come il «pranava mantra», la sorgente di tutti i mantra. Il significato filosofico si fonda sull'idea Indù di nama-rupa o del nome-forma, che suppone che tutte le cose, le idee, o le entità presenti nell'esistenza e nel cosmo fenomenologico, hanno un nome e una forma di qualche genere. Il nome-forma della vibrazione primordiale Aum è la prima manifestazione nama-rupa di Brahman, la realtà immanifesta. Prima dell'esistenza e al di là dell'esistenza l'unica sola realtà era Brahman, e sua la prima manifestazione nell'esistenza è Aum. Per questa ragione Aum viene considerato il mantra più potente e fondamentale, spesso usato come prefisso e suffisso in tutte le preghiere Indù.
Ma il mantra è oggi un canto di libertà per il Tibet, sottomesso al potere di Pechino. L’ultimo tradito arriva dall’India. Finora molti tibetani arrivavano in India passando dal Nepal, utilizzando speciali permessi di entrata concessi dall'ambasciata di Kathmandu per lo più per motivi religiosi o di studio. Una volta in India chiedevano ed ottenevano dal governo indiano un certificato di registrazione e uno di identità che diventava per loro una sorta di passaporto. A partire da gennaio 2007 tutto questo non sarà più possibile. Molti hanno sottolineato come l'iniziativa di New Delhi arrivi meno di un mese dopo la visita del presidente cinese, Hu Jintao.