L’archivio Ilva alla Fondazione Ansaldo

L’archivio dell’Ilva, uno dei più importanti patrimoni della storia industriale italiana per la siderurgia, è stato affidato alla Fondazione Ansaldo che ne curerà la tutela e la valorizzazione.
Dichiarato di notevole interesse storico dal Ministero per i Beni Culturali, l’archivio Ilva è costituito da settemila faldoni, 80 mila fotografie e oltre mille pellicole cinematografiche. Nell’archivio sono documentate, a partire dalla seconda metà dell’Ottocento, le complesse vicende societarie, organizzative e produttive delle aziende che sono confluite nel comparto siderurgico pubblico. Con l’affidamento alla Fondazione Ansaldo, il complesso archivistico diventerà la base anche di un’azione culturale e divulgativa sul ruolo dell’impresa siderurgica nella storia italiana.
Prenderà avvio anche una campagna, sotto l’egida della soprintendenza archivistica per la Liguria, mirata alla tutela delle raccolte fotografiche e cinematografiche che verranno restaurate e duplicate in digitale.