L’Ariston s’illumina solo di luce «verde»

Luce «verde» al Festival di Sanremo: all'Ariston l'energia elettrica per il funzionamento della macchina della rassegna canora sarà senza emissioni, proveniente esclusivamente dall'acqua, dal sole e dal vento grazie all'accordo tra il Teatro Ariston ed Enel Energia, società dell'Enel. L'Ariston è il primo teatro italiano ad impiegare per il suo intero fabbisogno di elettricità - dice un comunicato Enel - energia «verde» prodotta esclusivamente da fonti rinnovabili. E per l'intero 2007 Enel Energia fornirà le certificazioni 'RECS' legate al consumo di elettricità della struttura: si tratta di circa 1 milione di kilovattora all'anno, un consumo equivalente a quello di oltre 350 famiglie o all'energia necessaria ad alimentare 25 negozi. I certificati RECS sono speciali certificati emessi nell'ambito di un sistema di certificazione internazionale che coinvolge 18 Paesi europei, istituito per finanziare - su base volontaria - la generazione di energia verde. «Far incontrare mondi apparentemente così lontani come quelli della cultura e dell'industria fa parte un pò del nostro mestiere - ha dichiarato Walter Vacchino, proprietario dell'Ariston e vicepresidente Anic-Agic -, meglio se l'occasione di questo incontro è fondata sulla scelta di aiutare lo sviluppo sostenibile». L'energia verde o progetti come le installazioni di pannelli fotovoltaici «stanno riscontrando sempre più interesse nei consumatori a testimonianza di una accresciuta sensibilità alle tematiche ambientali e più in generale alla responsabilità sociali», ha dichiarato Simone Lo Nostro, responsabile Vendita Grandi Clienti della Divisione mercato di Enel.