L’Armani domani cercherà l’impresa nel caos di Atene

Dopo la vittoria in overtime di domenica, la quarta di fila nel campionato di basket dopo un inizio tutt'altro che sfolgorante, l'Armani Jeans è tornata ieri a lavorare per preparare al meglio la sfida di domani sera ad Atene, sesta giornata di Eurolega. Nelle ultime due trasferte, la squadra di Bucchi ha colto preziosissimi successi sul campo della Virtus Bologna e della BancaTercas Teramo, ma la sfida contro il Panathinaikos campione d'Europa è tutt'altra cosa. Già sfavorita dai pronostici, il team meneghino troverà un ambiente reso caldissimo dal recente ko dei padroni di casa nella stracittadina contro l'Olympiakos, uno dei derby più infuocati del continente. Una situazione che contribuisce a ridurre al lumicino le speranze dei milanesi di compiere una clamorosa impresa. Nonostante tutte le difficoltà però, tra i lombardi serpeggia un cauto ottimismo, soprattutto grazie alla striscia positiva in campionato che ha dato fiducia a una squadra che ha ritrovato un ritmo-gara capace di portarla ai piani alti della Serie A: quarto posto a due lunghezze di distanza dalle sorprendenti Avellino e Caserta, a -4 dalla capolista Siena.
Domani sera Bucchi dovrà fare ancora a meno di Petravicius e Acker, che dovrebbero tornare a disposizione in tempo per la sfida casalinga contro Napoli di domenica sera e per dare manforte nelle ultime due sfide di Eurolega, quelle che diranno se Milano potrà continuare l'avventura europea. Nonostante l'Armani Jeans abbia vinto una gara su cinque, le speranze di accedere alla Top 16 non sono ancora naufragate: con Panathinaikos, Real Madrid e Khimki già certe di passare la Regular Season, l'ultimo posto disponibile sarà messo in palio dalle sfide dirette contro Oldenburg e Prokom, da considerare come altrettanti spareggi.