L’«armata rossa» per 5 punti si prende il municipio in bilico

Il Pd si aggiudica la poltrona di sindaco con il 52,73% delle crocette a favore. Il Pdl invece si ferma al 47,26%. In ogni caso la sfida di Limbiate si è rivelata avvincente. Eugenio Vincenzo Picozzi, alfiere del centrodestra supportato dal Popolo delle libertà, che ha ribadito l’alleanza e la collaborazione con la Lega Nord, oltre al supporto di tre liste civiche, con un buon 45,79% dei consensi, si è scontrato con Raffaele De Luca, spinto al 40,73% dei suffragi raccolti al primo turno da tutta l’«armata rossa» (Partito democratico, Idv, Sel e due liste civiche).
A fare da terzo incomodo (sia pure dall’esterno e, quindi, indirettamente), come spesso succede, il terzo classificato, Carlo Schieppati, rappresentante del Terzo Polo, formato da Udc, Fli e da due liste civiche. Il quale due settimane fa, alla prima tornata elettorale, aveva ottenuto il 10,19% dei voti.