L’ARMISTIZIO

Nei giorni scorsi alcune dichiarazioni del sindaco di Roma Gianni Alemanno sul fascismo e le leggi razziali e del ministro della Difesa Ignazio La Russa sui combattenti della Repubblica sociale, hanno rilanciato proprio in concomitanza con l’anniversario dell’8 settembre una polemica - quella su fascismo e antifascismo - che nel Paese non sembra mai passare di moda, a dimostrazione che il vulnus del Ventennio non è per nulla rimarginato. Ieri, in particolare, il giornalista e scrittore Giampaolo Pansa ha «svelato» al Giornale le ascendenze fasciste di un leader della sinistra italiana come Dario Franceschini, il quale oggi risponde.