L’arte lavora nel weekend

Chi crede che la cultura sia un privilegio per pochi dovrà ricredersi: da oggi fino a domenica oltre 750 biblioteche, 250 musei e i principali siti archeologici della Lombardia apriranno le porte ad arte, musica, prosa, cinema per avvicinare un pubblico sempre più ampio al patrimonio artistico regionale. Questo il senso della rassegna «Fai il pieno di cultura» promossa dalla Regione Lombardia in collaborazione con le dodici province, che quest’anno riunirà tre diverse iniziative: «Una notte al museo», «Oltre il palcoscenico» e «Open day delle biblioteche». Tre giornate di incontri, laboratori, spettacoli, proiezioni per valorizzare i luoghi simbolo della cultura lombarda - biblioteche, musei, siti archeologici – che resteranno aperti fino a tarda sera. «L’idea - spiega l’assessore regionale Massimo Zanello - è avvicinare ai luoghi della cultura chi in genere non li frequenta, con aperture in orari straordinari e spettacoli gratuiti o a prezzi simbolici». A Milano, per la rassegna «Una notte al museo», porte aperte venerdì e sabato alla Galleria d’Arte moderna di Villa Reale (via Palestro 16, fino alle 22), al Museo del Risorgimento (via Borgonovo 23, fino alle 22), al Museo Archeologico (corso Magenta 15, fino alle 23) e alle Collezioni del Museo Diocesano (corso Porta Ticinese 95, ore 15.30). Sempre sabato, un «Pomeriggio in Africa» al Museo d’Arte e Scienza (ore 14, via Quintino Sella 4), le visite guidate all’Acquario Civico (ore 21-23, viale Gadio 2, su prenotazione allo 02-88465750). Luna protagonista al Civico Planetario, con gli incontri «Astronomia nella Divina Commedia» e «Luna tra scienza, musica e poesia» (ore 20-21.30, corso Venezia 57, 02-88463342). Domenica apertura straordinaria del Museo Poldi Pezzoli (ore 10-21, via Manzoni 12), della Fondazione Pomodoro (via Solari 35, ore 11-20) e della mostra alle Stelline dedicata a Marinetti (ore 10-20, c.so Magenta 61), e tre giorni di proiezioni al Museo del Cinema Gianni Comencini (via Manin 2, 02-6554977). Da scoprire il nuovo Museo Martinitt che proporrà visite guidate, video e installazioni sulla storia degli orfanatrofi ottocenteschi (da venerdì a domenica, c.so Magenta 57, 02-43006524) e la Strada della Ghirlanda al Castello Sforzesco (sabato, ore 20.30-21.30, 02-6596937); sempre al Castello concerti non-stop e laboratori per bambini al Museo degli Strumenti Musicali. Per i ragazzi e non solo, gli incontri al Museo di Storia Naturale sulla biodiversità (sabato, ore 21, c.so Venezia 55, 02-88463337), mentre chi ha meno di 16 anni potrà partecipare alla gara di scrittura a macchina dedicata a Indro Montanelli al Museo della Macchina da Scrivere (da venerdì a domenica, ore 15, via Menabrea 10, 347-8845560). L’«Open day delle biblioteche» parte oggi con l’apertura straordinaria della Biblioteca Isimbardi (ore 13-16, via Vivaio 1), la performance teatrale «Dieci personaggi d’autore« alla Biblioteca Baggio (ore 10, via Pistoia 10) e la proiezioni del film «Leonardo, l’Expo e le acque di Milano» alla Biblioteca Ambrosiana, (piazza Pio XI 2, ore 18.30), mentre la Pinacoteca resterà aperta da venerdì a domenica dalle 10 alle 17.30. Si prosegue domenica con l’apertura delle biblioteche rionali Fra’ Cristoforo (con lo spettacolo all’aperto «Circa un circo», ore 16), S. Ambrogio (via San Paolino 18) e Sicilia (via Sacco 14). Numerose le iniziative fuori porta: dall’incontro con Giampiero Casertano che disegnerà in tempo reale i personaggi di Dylan Dog (Biblioteca Comunale di Carugate, ore 21, 02-45506197) all’apertura del Museo del Tessile di Leffe (Bergamo, ore 20.30-23.30, 035-733981) con la dimostrazione della filatura come si realizzava nel ’700. Da non perdere la visita a Villa e Collezione Panza, restaurata dal Fai (Varese, sabato ore 19-24, 0332-283960), e le oltre 300 incisioni della Suite 347 di Picasso al Museo Civico di Cremona (da venerdì a domenica, ore 10 alle 18, 0372-407768).