L’arte di Tarkovskij: i film e una mostra

In occasione dei 25 anni dalla scomparsa del regista russo Andrej Tarkovskij (4 aprile 1932 - 29 dicembre 1986), uno dei più grandi maestri di cinema del Novecento, l'Istituto Internazionale Andrej Tarkovskij e la Provincia di Milano, in collaborazione con Fondazione Cineteca Italiana, propongono una mostra fotografica e una rassegna completa sul cinema del regista russo. La mostra, a cura di Andrej A. Tarkovskij, presidente dell'Istituto Internazionale Andrej Tarkovskij, è articolata in tre sezioni: le polaroid scattate da Andrej Tarkovskij, le immagini di Lev Gornung (origine iconografica del film Lo specchio) e le fotografie scattate sul set dei film. È la prima volta che una mostra così documentata e completa su Tarkovskij viene presentata, non solo in Italia ma nel mondo, e costituisce un evento eccezionale per la qualità e la quantità del materiale esposto e per la fragilità stessa del supporto (come noto delle polaroid, diversamente da riproduzioni fotografiche che partono da un negativo, può esistere una sola copia) che fa della mostra milanese un evento difficilmente replicabile. Le 80 polaroid sono una selezione di oltre 300 scatti, risalenti agli anni 1979-1983 e divisi in due momenti, le immagini dell'ultimo periodo russo e del primo periodo vissuto in Italia.
Alla mostra è affiancata una retrospettiva completa dell'opera cinematografica di Andrej Tarkovskij, dal 16 maggio al 9 giugno 2011, nella Sala Alda Merini dello Spazio Oberdan. Fatta eccezione per Nostalghia, presente in rassegna in edizione italiana, tutti i film son proiettati in copie nuove e in versione originale con sottotitoli in italiano, inclusa l'ultima opera, Sacrificio. Da almeno dieci anni, una rassegna completa di Tarkovskij non viene proposta a Milano. Oltre ai titoli firmati da Tarkovskij, la rassegna comprende Elegia moscovita, omaggio di Alexandr Sokurov al suo riconosciuto Maestro.