L’assessore Croci: «Dimezzati i veicoli inquinanti»

Finita la tregua d’agosto, torna il ticket per entrare nella Cerchia dei Bastioni. Domani alle 7,30 in punto, le quarantatré telecamere messe a presidiare i varchi d’ingresso ricominceranno a fotografare le targhe dei veicoli diretti in centro e a inviare i dati al «cervellone» centrale. Nessuna speranza, chi sgarra paga. E lo sanno bene gli automobilisti che si sono già visti recapitare una valanga di multe dopo i primi mesi di «sperimentazione». Già, perché così ha sempre detto e continua a ripetere il sindaco Letizia Moratti che per fine anno ha promesso una «consultazione» dei milanesi per decidere se andare avanti o ripensarci.
Per il momento non resta che pagare. Dal lunedì al venerdì e dalle 7,30 alle 19,30, dopo aver controllato sul libretto di circolazione e verificato di non possedere un veicolo «ecologico», non resta che acquistare il «gratta e passa» o un abbonamento ai quali è abbinato un codice Pin di 12 caratteri da scoprire grattando la pellicola. Attivazione entro il giorno successivo all’ingresso comunicando Pin e targa del veicolo: telefonando al numero verde 800.437.437 attivo dal lunedì al sabato dalle 7 alle 20; su Internet andando nel sito del Comune al servizio «Attiva Ecopass on line», o mandando un sms al numero 339.994.0437 e digitando nell’ordine Pin e targa. Fare molta attenzione ai varchi trappola, quelli delle corsie preferenziali o delle ztl attraverso i cui possono passare solo taxi e mezzi pubblici. Che da domani saranno molti di più, visto che si ritorna all’orario estivo dopo settimane di frequenze festive. Atm promette anche per il 9 settembre anche un potenziamento delle linee più frequentate dagli studenti. Protesta l’Osservatorio di Milano che con il suo direttore Massimo Todisco spera, per eliminare il pedaggio, nella sentenza del Consiglio di Stato attesa per il prossimo settembre.