L’assessore Il Grande boccia il sindaco e si dimette

Con un colpo a sorpresa, l'assessore Alessandro Il Grande ha rassegnato le dimissioni dalla giunta di Sanremo. Una decisione comunicata in diretta durante il consiglio comunale. Impietriti i consiglieri, gli assessori e lo stesso sindaco Maurizio Zoccarato all'oscuro di tutto. Un lungo intervento durante il quale Il Grande, che si occupava di viabilità, parcheggi e sport, ha lanciato parole pesanti verso il primo cittadino, accusato di gestione verticistica. «Molte delle scelte più importanti per la nostra città – ha detto – invece che essere frutto di scelte condivise, sono state atti di imperio disposti direttamente dal Sindaco anche contro i pareri degli uffici e dello stesso assessore competente. Non mi sento quindi più di proseguire quest'esperienza». La tensione in aula era palpabile tra la curiosità dell'opposizione, spiazzata anch'essa, e l'imbarazzo della maggioranza. «Non posso che prendere le distanze – ha aggiunto - da decisioni che mi sono state imposte e che ho dovuto accettare per rispetto delle persone che mi hanno dato il mandato ad amministrare». Il riferimento era agli oltre 600 voti ottenuti da Il Grande, risultato nel 2009 il terzo degli eletti. La contrarietà al sindaco riguarderebbe la pedonalizzazione di Piazza Borea d'Olmo, la nuova viabilità di Piazza Eroi Sanremesi e la pratica per l'affidamento dei parcheggi sul lungomare Italo Calvino. «Mi dispiace molto - ha commentato il sindaco Maurizio Zoccarato - Forse è vero che ho prestato tanta e forse troppa attenzione al gruppo consigliare piuttosto che alla giunta, ma è stato un metodo di lavoro per condividere le decisioni assunte dall'Amministrazione. Ogni scelta è stata comunque condivisa, non c'è stata nessuna gestione verticistica. In merito alla situazione di pericolo in piazza Eroi - conclude Zoccarato - non ne ero a conoscenza, chiederò subito chiarimenti ai tecnici ed agli uffici competenti».