L’Atalanta rimonta due volte la Fiorentina

Bergamo. Contro un'Atalanta priva di ben quattro titolari (tra cui Doni), la Fiorentina orfana di Mutu spreca una ghiotta opportunità per rilanciare le proprie ambizioni di Champions. La squadra di Prandelli ha fallito un altro esame di maturità, peccando di ingenuità. Due volte in vantaggio (prima con una splendida girata di Pazzini, poi con un colpo di testa di Semioli), i viola non hanno saputo mantenere il risultato, facendosi raggiungere dai bergamaschi, bravi a gettare il cuore oltre l'ostacolo quando nessuno ormai credeva più alla rimonta. A sorprendere la Fiorentina, ci ha pensato Muslimovic, che prima della doppietta di ieri era un oggetto misterioso nella squadra nerazzurra. Bravo, quindi, è stato Del Neri a sapere cogliere il momento giusto per sfruttare la verve dell'attaccante bosniaco. Prandelli, invece, sarà costretto a lavorare sodo: perseverando negli errori in fase difensiva, la Fiorentina difficilmente riuscirà a respingere la rincorsa del Milan.