Per l’attacco il Genoa spera di «acquistare» Sculli

Bogdani non interessa al Genoa per bocca del vicepresidente Pastorello e così il vero acquisto in attacco la società rossoblù potrebbe ottenerlo oggi dalla Corte di Giustizia Federale a Roma.
Alle 15 si discute del caso Sculli, una vicenda che si perde nella notte dei tempi e che risale addirittura al 2002 quando l'attuale punta del Grifo vestiva la maglia del Crotone. Per quella storia in primo grado il giocatore è stato condannato per omessa denuncia ad otto mesi di squalifica già scontati, ma ora si riparte da zero. La difesa di Sculli, rappresentata dall'avvocato Paolo Rodella, chiede l'assoluzione mentre la Procura Federale va giù pesante con una richiesta di tre anni di squalifica per illecito sportivo. La battaglia è dunque aperta anche se nell'ambiente rossoblù regna l'ottimismo. Il verdetto potrebbe già arrivare in serata anche se, la vicinanza con la seconda di campionato potrebbe far slittare tutto a lunedì.
Intanto a 24 ore dalla chiusura del calciomercato continuano a inseguirsi le voci sulle possibili partenze rossoblù. Ieri all'ora di pranzo Coppola veniva già dato ad Udine mentre era in realtà in piscina a Chiavari con Borriello a svolgere un allenamento differenziato. «Coppola? No, non è vero che sia stato ceduto - ha commentato Pastorello uscendo da villa Rostan - Prima di dare via un giocatore come lui ci penseremo non una, ma due volte e comunque non prima di aver acquistato un elemento che faccia al nostro caso Barusso tra l'altro è stato ufficialmente ritenuto incedibile dalla Roma». Ma la sensazione è che fino all'ultimo si lavorerà per far cambiare idea ai giallorossi, ma intanto torna d'attualità la pista Kharja del Piacenza. Una cosa è certa tra oggi e domani almeno un attaccante lascerà il Genoa e l'indiziato numero uno sembra essere Gasparetto. «Confermo che Gasparetto interessa a parecchi club, anche di A Parma in primis - ha aggiunto il vicepresidente - Pegolo? Di lui ne ho parlato con il presidente Spinelli nelle ultime ore. Dipende dall'eventuale contropartita per Amelia, se verrà ceduto e nell'affare non rientrerà Agliardi. C'è anche il Mantova che sta bussando alle nostre porte per Pegolo».
Da Pegli intanto sono arrivate buone notizie per Juric che si è aggregato al gruppo mentre si valutano di giorno in giorno le condizioni di De Rosa che pure ieri pomeriggio era in campo con i compagni a disputare le partitelle. In campo c'era anche Figueroa con una piccola fasciatura al ginocchio operato qualche mese fa. Difficile un suo impiego in panchina a Catania.