L’attore di Visconti ucciso dai partigiani

Nel centenario della nascita di Luchino Visconti, che cade proprio oggi 2 novembre, ecco riaffacciarsi, per percorsi inattesi, l'atroce storia di Elio Marcuzzo. Tra il 1937 e il 1944, questo giovane attore sceso a Roma dalla natìa Treviso, girò quattordici film, conquistandosi una notevole fama in Ossessione, l'esordio di Visconti, 1942. Non poteva immaginare, Marcuzzo, che tre inverni dopo, appena ventottenne, sarebbe finito impiccato insieme al fratello minore Armando per mano di un gruppo partigiano, uno dei più sbrigativi e sanguinari del Trevigiano.