L’attrice Lella Costa premiata da «Telefono donna»

Eliana Biagini

A Finalborgo, presso il chiostro di Santa Caterina, stasera alle ore 21.30, nell'ambito del concerto «Flauto traverso e pianoforte» del duo Salvatore Scarlata e Paola Arras, l'attrice teatrale Lella Costa riceve dalla Presidente dell'«Associazione Telefono Donna», Margherita Pira, alla presenza dell'assessore alla cultura di Finale, Nicola Viassolo e della Vice Presidente della Provincia di Savona, Lorena Rambaudi, il premio dell'associazione per l'anno 2006. La scelta è ricaduta su questo personaggio perché, intrecciando fiaba e realtà, comicità e tragedia, narra, con efficacia, le contraddizioni del nostro tempo afferma l'associazione. «La sua modalità di comunicazione così umana e umanizzante nonché la denuncia, seppur satirica, del malessere del nostro tempo, la rendono molto vicina agli obiettivi che il "Telefono Donna" da tempo persegue» precisa Margherita Pira.
Lella Costa, nata a Milano nel '52, che si è dedicata, oltre che al teatro, al cinema e alla televisione con il varietà e soprattutto con l'attività di doppiatrice, ha esordito nell''80 con un monologo di Massimo De' Rossi. Di lei, tra le cui opere teatrali si ricordano «Stanca di guerra» e «Adib» e, tra quelle cinematografiche, «Ladri di saponette» dell''89 di Nichetti, l'associazione evidenzia il modo di proporre sulla scena con espressività la fatica di vivere nel quotidiano: la coppia con la sua eterna crisi, gli svariati volti dell'inadeguatezza del nostro tempo, generatrice di ansia, nevrosi e depressione; il deterioramento dei rapporti interpersonali, la violenza, il conflitto».
Telefono Donna, associazione di volontariato, che ha sede presso la Provincia di Savona, è stata costituita anni fa per venire incontro, soprattutto attraverso l'ascolto telefonico, alle necessità delle donne che si trovano in situazioni di difficoltà, offrendo anche consulenze legali e psicologiche gratuite.