L’augurio del sindaco: «Se restiamo uniti sarà un anno di gioia» Alemanno al concerto della Nannini al Colosseo Festa anche a Cinecittà con i fuochi di artificio

«Auguro a tutti un anno nuovo che porti la pace a chi soffre nel Mediterraneo, un anno di gioia, di speranza e di vittorie contro tutti i problemi e contro ogni crisi. Se rimaniamo uniti e fratelli possiamo farcela». È stato l’augurio del sindaco Gianni Alemanno, che allo scoccare della mezzanotte ha così salutato i 200mila accorsi al Colosseo per il concerto gratuito di Gianna Nannini (e prima di lei dei Baustelle) che senza dubbio è stato l’appuntamento più partecipato del Capodanno 2008-09. Dopo aver brindato insieme alla cantante senese, Alemanno - che era accompagnato dal vicesindaco Mauro Cutrufo, dagli assessori capitolini alla Cultura e alla Scuola, Umberto Croppi e Laura Marsilio e dal comico Antonio Giuliani - si è congedato dalla folla dicendo: «Roma sei nell’anima», ricordando il titolo di un famoso brano della Nannini. Il sindaco è giunto al Colosseo intorno alle 23,30, subito si è incontrato con Gianna Nannini per uno scambio di doni: la rocker gli ha donato alcune bottiglie di vino della sua produzione mentre Alemanno le ha fatto omaggio di una enciclopedia di Roma. Poi la musica, che ha riscaldato una folla festante e infreddolita - composta da romani ma anche da molti turisti di altre città italiane e da molti stranieri - che ha riempito tutta l’area chiusa al traffico compresa tra via dei Fori Imperiali fino a piazza Venezia, via Cavour e le traverse adiacenti. Festa grande anche a Cinecittà, alla manifestazione organizzata dal X municipio iniziata con due gruppi musicali (Radici dal cemento e Giuliano Palma coi suoi Bluebeaters) e proseguita con uno spettacolare allestimento di fuochi d’artificio del maestro Roberto De Simone.
Ieri, primo giorno del 2009, a tener banco è stata la pace. Decine di migliaia di persone hanno partecipato alla marcia della pace organizzata dalla Comunità di Sant’Egidio che ha attraversato via della Conciliazione e raggiunto piazza San Pietro per la preghiera dell’Angelus del Papa alle 12. Benedetto XVI li ha salutati con «gioia» ed ha plaudito alla loro manifestazione, come pure alle «innumerevoli iniziative di preghiera e riflessione sul tema della pace», tra cui quella della Conferenza episcopale italiana, svoltasi il 31 sera a Palermo. «L’anno nuovo - ha sottolineato Benedetto XVI - inizia con il passo dei cercatori di pace. Grazie di questi gesti! Il Signore ci aiuti e ci dia la pace».
Capodanno poco allegro invece in via San Francesco di Sales a Trastevere. Fin da prima dell’alba è mancata l’elettricità e l’Acea non è riuscita a ripristinarla a causa di un guasto che si era già verificato nei giorni di Natale. Agli abitanti della strada, esasperati dal fatto di trovarsi al freddo e al buio, non è rimasto che attaccarsi al telefono per chiamare il numero segnalazione guasti.
Infine il bilancio degli incidenti, per fortuna non particolarmente tragico. durante la notte più lunga dell’anno a Roma si sono verificati una cinquantina di incidenti:una media, secondo la polizia municipale, di poco superiore a quella degli altri giorni. Sei incidenti nella mattinata di ieri nell’area del raccordo anulare.