L’Australia di Luhrmann tra vip e canti aborigeni

Si svolgerà domani alle 21 all’Auditorium Conciliazione l’anteprima a inviti del nuovo kolossal firmato da Baz Luhrmann. Atteso come l’evento cinematografico dell’anno, «Australia» uscirà nelle sale italiane venerdì 16 gennaio. L'eclettico regista australiano, apprezzato dal pubblico internazionale per «Romeo e Giulietta» e «Moulin Rouge!» che ne hanno rivelato il grande talento creativo e un estro visionario ricco di contaminazioni, è tornato alle radici realizzando un film epico nelle atmosfere, romantico nella storia, emozionante nel racconto filmico e suggestivo nella scelta di affascinanti luoghi incontaminati - un vero, celebrativo atto d’amore nei confronti della sua terra d’origine. E proprio per ricreare la suggestione di quei luoghi e di quelle atmosfere, in occasione dell’anteprima di domani, l’Auditorium verrà trasformato in un frammento di Outback, una terra di infinite pianure e infiniti racconti che si configura a tutti gli effetti come uno dei protagonisti del film. Quel deserto australiano che congiunge e separa a più riprese i personaggi del film rivelandosi la chiave di volta della loro intima trasformazione. E allo stesso modo gli invitati all'anteprima, al loro ingresso in Auditorium si ritroveranno ad attraversare un percorso di sabbia e sassi. E perché l'immersione sia totale, nel foyer si esibirà il gruppo dei Descendance, il più importante team di artisti aborigeni che ha all’attivo centinaia di spettacoli di danza e musica tradizionale in Europa, Asia e America.