L’autista ammette lo spinello: «Ma era la mia prima volta»

«Sì ho fumato uno spinello, ma era la prima volta». È quanto l’autista del pullman in cui sono morti due bambini in gita scolastica, Michele Tizzani, avrebbe detto davanti al gip che lo interrogava, stando alle indiscrezioni. L’autista avrebbe anche detto di aver avuto un malore al momento dell’incidente. L’uomo - riferiscono i suoi legali - è molto provato. Il gip ha disposto gli arresti domiciliari. Intanto è stato effettuato l’espianto degli organi di Francesco Borbonaglia, di 7 anni, una delle due piccole vittime dell’incidente. Sono quattro i bambini che continueranno a vivere grazie a lui. Il cuore è stato trapiantato al Bambin Gesù di Roma a un bimbo di 5 anni, il fegato a una bimba di cinque mesi di Alessandria presso le Molinette di Torino, e i reni sono destinati a due piccoli di Roma e Genova. I funerali di Francesco si terranno domenica a Costanzana, nel Vercellese, quelli dell’altro bimbo morto, Michael Vigna, 6 anni, lunedì nel Duomo di Vercelli. Ricoverate ci sono ancora 15, tra alunni e maestre, vittime dell’incidente. Due bimbi sono gravi, uno dei quali in «condizioni critiche».