L’azione sale con le mappe tridimensionali

da Milano

Le Pagine Gialle non si consulteranno più solo usando le parole chiave ma anche utilizzando le immagini. Merito del nuovo servizio Pagine Gialle Visual di Seat, realizzato in collaborazione con Telegate, che consente di visualizzare i risultati delle proprie ricerche direttamente sulle foto del territorio e passeggiare virtualmente lungo le vie delle città seguendo percorsi personalizzati, osservando monumenti, edifici e vetrine di negozi. Telespazio, joint venture tra Finmeccanica e Alcatel, fornirà a Seat in esclusiva per due anni le foto aeree per 103 capoluoghi di provincia con risoluzione 20 centimetri e di tutto il resto del territorio italiano con risoluzione 50 centimetri. Il contratto tra Seat e Telespazio è di due anni, «con un’opzione di proroga rinnovabile di anno in anno», ha spiegato l’amministratore delegato di Seat, Luca Majocchi. Con questa iniziativa Seat punta sempre di più verso il settore media e Internet: «Noi siamo un’azienda che fa ormai il 30% circa del nostro fatturato al di fuori dei servizi telefonici cartacei», ha osservato Majocchi. Pagine Gialle Visual saranno disponibili da luglio per le città di Torino, Milano e Firenze ma entro fine anno saranno disponibili per altre 20 città e si prevede una copertura totale entro il 2007. Il gruppo ha anche segnato un accordo con Nokia per inserire nel software dei telefonini l’accesso alla banca dati online di Seat. Gli investimenti per realizzare questi e altri servizi innovativi sono previsti nel piano industriale 2004-2006, pari a 22 milioni di euro. «In realtà - ha aggiunto ancora Majocchi - questa cifra andrebbe incrementata con quello che hanno fatto i nostri partner per sviluppare i servizi». Majocchi ha anche detto che il piano prevede una crescita dei servizi via Internet a doppia cifra cioè tra il 15 e il 20%. Dopo la presentazione del nuovo servizio il titolo Seat è salito del 5%. Boom di scambi con 83,3 milioni di pezzi, quasi il triplo della media (33,2 milioni). In realtà si è trattato si un’ottima occasione per far scattare un rimbalzo tecnico avendo il titolo lasciato sul campo dall'inizio dell'anno borsistico quasi il 14%.