L’azzurro Crosetto: «Sinistra in crisi, governo bocciato»

nostro inviato

ad Alessandria

«In Piemonte la sinistra è crollata». È visibilmente soddisfatto Guido Crosetto, coordinatore regionale di Forza Italia, dei significativi ribaltoni che hanno portato al governo di città e province la Casa delle libertà. «Questo risultato rappresenta un giudizio sul governo Prodi, sull’amministrazione regionale e sulle amministrazioni locali, ma testimonia anche il grande lavoro che abbiamo costruito».
«Il fatto che il centrodestra abbia vinto anche ad Asti, dove l’Udc si è presentata con una lista propria, è un giudizio significativo – continua l’esponente azzurro – perché l’Udc ci aveva accusato di aver scelto un candidato, Giorgio Galvagno, non adatto. Ed è passato al primo turno!». Crosetto non si nasconde che le difficoltà incominciano da oggi: «L’esito elettorale del Piemonte, dove soltanto a Cuneo, grazie a un sindaco particolarmente amato, la sinistra può ancora vincere, è un buon punto di partenza. Si tratta ora di dimostrare la nostra diversità, si tratta di amministrare bene le città, abbassando l’Ici e le altre imposte, diminuendo la burocrazia, aumentando la sicurezza dei cittadini. Fabbio, Galvagno e Masoero devono ora dimostrare che cosa significa essere degli amministratori capaci».