L’Ecopass spinge il mercato del lusso: case fino a 14mila euro al metro quadro

Boom di appartamenti in centro città lontani dal caos. Tra le zone più gettonate: via Manzoni e Montenapo

Quello del lusso, si sa, è un mercato che non conosce crisi. Una «legge economica» che trova conferma anche nel settore immobiliare dove, se le abitazioni di valore medio, nel primo semestre 2007, hanno iniziato a subire una contrazione dei prezzi, esiste un mercato del lusso che non avverte sentore di recessione. Anzi, per gli immobili di prestigio i prezzi tengono e ci sono addirittura realtà, come quella milanese, dove si registra un lieve aumento della domanda rispetto al passato. A dirlo, l’ultima rilevazione Tecnocasa relativa ai primi sei mesi di quest'anno. Si cercano soprattutto attici dai 200 metri quadrati in su, con finiture di pregio, viste panoramiche e, perché no, affreschi e soffitti a volta o a cassettoni. D’altra parte si tratta di acquirenti con una disponibilità di spesa che difficilmente è inferiore al milione di euro e che talvolta possiedono altre abitazioni dello stesso livello.
«Uno degli elementi determinanti per la buona tenuta di questo settore - spiega Fabiana Megliola, dell’Ufficio studi di Tecnocasa - è l’elevata quantità della domanda a fronte di un’offerta scarsa. Chi possiede queste abitazioni difficilmente le vende e, di solito, chi lo fa le ha ricevute in eredità o vive altrove e non ha interesse a tenerle».
L’introduzione dell’Ecopass, inoltre, alleggerendo le zone dal traffico e riqualificando le aree urbane interessate, sembra avere favorito la buona tenuta dei prezzi e l’aumento della domanda. Chi acquista immobili di prestigio, infatti, è molto attento anche al contesto e apprezza in modo particolare i quartieri silenziosi e poco caotici.
A Milano le più gettonate per chi cerca soluzioni di questo genere sono soprattutto le zone del centro, ricche di palazzi storici, risalenti prevalentemente all’Ottocento e ai primi anni del Novecento. Questo tipo di immobili sono disponibili in alcune strade come via Manzoni e le sue traverse, via Amedei, piazza Borromeo, piazza Della Scala, piazza Belgioioso e via Montenapoleone. In quest’area, per palazzi storici di metà Ottocento, i prezzi possono toccare punte comprese tra i 9 e i 14mila euro al metro quadrato, ma tipologie ancora più prestigiose, sebbene raramente in vendita, si possono trovare in palazzi del Cinquecento o del Settecento.
Tagli medio piccoli (dai 45 ai 70 metri quadrati, frutto del frazionamento di ambienti più grandi) e tagli molto ampi, a partire da 250-300 metri quadrati, si trovano negli stabili di fine Ottocento di strade come Brera, Fiori Chiari, Madonnina e Foro Bonaparte. Vie molto apprezzate, nonostante queste tipologie di immobili possano toccare anche top prices di 12mila euro al metro quadrato. Spesa analoga per chi decida di acquistare immobili nella cerchia compresa tra via S. Vittore, piazzale Cadorna, via XX Settembre e piazzale Baracca: risalenti ai primi anni del Novecento, offrono suggestive viste su cortili interni o su altri palazzi d'epoca. Per chi invece ama potersi affacciare sul verde, sono disponibili abitazioni di lusso in via Vittorio Veneto, via Palestro e corso Venezia, soluzioni che permettono di avere la vista sul parco a ridosso dei Bastioni di Porta Venezia e di abitare in palazzi della fine del XIX secolo risparmiando un po’ (i prezzi si aggirano «solo» intorno agli 8mila euro al metro quadrato).