L’emergenza L’esercito dei clandestini: in città sono più di 44mila

A Milano i clandestini rappresentano una grossa percentuale della popolazione che vive in città. Si tratta di una comunità folta e variegata, che conta ben 44500 persone secondo l’ultimo rapporto Ismu, l’ente che si occupa di Iniziative e Studi sulla Multietnicità, su dati 2009. L’esercito dei clandestini rappresenta un trentesimo dei milanesi residenti in città, circa un milione e 300mila abitanti. La quota principale dei clandestini è rappresentata dagli immigrati africani, una popolazione di 16500 persone, di cui 13350 nord africani e 1350 genericamente africa. Egitto e Marocco sono le nazionalità maggiormente rappresentate. Circa 10mila invece sono i migranti provenienti dell’America Latina: secondo gli ultimi studi, sembra che gli immigrati da Peru ed Ecuador siano in costante aumento. Gli extracomuinitari provenienti dall’Asia ammonterebbero, secondo le stime Ismu, a cira 14mila persone, la maggior parte delle quali provenienti dalla Cina.
Secondo l’Ocse in Italia il numero di immigrati clandestini oscilla tra i 500 e i 750 mila. Rappresentano l’1,09% della popolazione totale e il 25,6% di tutti i residenti stranieri. Dal 1 gennaio 2010 sono 661 i clandestini che la Polizia Locale milanese ha fermato. Secondo il capo della Polizia Antonio Manganelli al Nord e dunque anche a Milano gli irregolari sono responsabili di 8 reati su 10 che destano allarme sociale.