L’ENDORSEMENT

Il settimanale britannico prestigioso per definizione, l’«Economist», spiazza il mondo pubblicando un commento che prende posizione in modo netto sulle elezioni egiziane. La rivista, la stessa che aveva messo in copertina Berlusconi definendolo «unfit», inadatto a governare, pubblica un commento non firmato con un vero e proprio «endorsement» a favore dei Fratelli Musulmani. Sotto il titolo inequivocabile «Vote for the Brothers», l’invito a «lasciarli governare» perché «meglio un Fratello musulmano che un amico di Mubarak». L’Economist si premura di ricordare che al primo turno avevano puntato su Amr Moussa, che poi non è arrivato al ballottaggio. Quando si dice l’autorevolezza.
Commenti

Raoul Pontalti

Dom, 17/06/2012 - 19:30

Si tratta di ennesimo caso di mosca cocchiera. I Britannici, che conoscono bene l'Egitto per averlo a lungo soggiogato, hanno il polso della situazione e mettono le mani avanti: cari Fratelli Musulmani noi siamo con voi, lo siamo sempre stati, anche quando vi fucilavamo perché ci tiravate addosso o perché eravate amici di Mussolini o quando sostenevamo i vari Raìs che si sono succeduti, Mubarak compreso, perché ciò era dovuto alla contingenza politica, ma noi siamo con voi, cari Fratelli, di noi Vi potete fidare....

Raoul Pontalti

Dom, 17/06/2012 - 19:30

Si tratta di ennesimo caso di mosca cocchiera. I Britannici, che conoscono bene l'Egitto per averlo a lungo soggiogato, hanno il polso della situazione e mettono le mani avanti: cari Fratelli Musulmani noi siamo con voi, lo siamo sempre stati, anche quando vi fucilavamo perché ci tiravate addosso o perché eravate amici di Mussolini o quando sostenevamo i vari Raìs che si sono succeduti, Mubarak compreso, perché ciò era dovuto alla contingenza politica, ma noi siamo con voi, cari Fratelli, di noi Vi potete fidare....