L’ennesima minaccia di Bonino e Pannella: «Noi al voto? Forse no»

Più o meno come i bambini proprietari del pallone, che a chiosa della litigata ai giardinetti con gli amici tuonano: o si fa così come dico io o me ne vado! Marco Pannella ed Emma Bonino hanno messo in forse, ieri sera, la loro partecipazione alle prossime Regionali. Ora, considerando che la Bonino è candidata alla presidenza del Lazio per il Pd, si può ben capire il peso della dichiarazione: qualcosa in grado di far scoppiare il panico in tutto il centrosinistra, se non fosse che a fare l’annuncio siano stati proprio quei due. Che non sono nuovi a minacce e uscite (a vuoto) altisonanti. «Se si dovesse giungere al voto nelle attuali condizioni di negate legalità e democrazia - hanno fatto sapere - la decisione del parteciparvi o no s’impone sin d’ora come gravissimo, inevitabile problema di coscienza dinanzi all’inverarsi del sicuro rischio di incorrere nel reato di complicità con opere di un regime che negano i diritti umani».