L’enologo Vezzola: «Vendemmia top per Franciacorta»

«Il clima fresco che ha segnato l’estate è il fattore chiave dell’eccellente livello qualitativo delle bollicine di Franciacorta per la vendemmia 2008». Giudizio siglato da Mattia Vezzola, enologo dell’anno per la giuria del Gambero Rosso. Valutazione degli spumanti di Franciacorta che sono la punta di diamante, l’eccellenza della Lombardia. Anche quest’anno, dunque, la Lombardia ci conferma terra di vini di qualità. Con una produzione annua di 85 milioni di bottiglie a «denominazione» e 24mila ettari di territorio censiti, la vitivinicoltura della regione è, infatti, in grado di offrire 4 Docg e 15 Doc. Tra questi, ça va sans dire, gli spumanti di Franciacorta che sono realizzati con il metodo classico ovvero con la rifermentazione in bottiglia e non, come per la stragrande maggioranza degli spumanti, in autoclave. «In Bellavista abbiamo cominciato a raccogliere i grappoli il 20 di agosto. Quantitativamente la produzione sarà leggermente inferiore alla media» spiega Vezzola, direttore di produzione della maison Bellavista «ma in virtù della buona stabilità meteorologica prevista per i momenti decisivi della raccolta, le nostre bollicine continueranno ad essere contraddistinte da una ricerca della qualità generata da un ideale equilibro tra terra, natura e uomini». Equilibrio che trova espressione in ogni singolo vigneto e che marca indelebilmente il carattere dei prodotti, quest’anno caratterizzati da una particolare acidità e da singolari aromi.