L’entusiasmo di Bogliasco contagia la nuova dirigenza

La Sampdoria è sempre la Sampdoria, anche in serie B. Ieri lo hanno dimostrato i circa 1500 tifosi presenti a Bogliasco per il primo allenamento stagionale.
«Impressionante» ha commentato il d.s. Sensibile, uno dei volti nuovi – insieme al tecnico Atzori e ai vari Bertani, Piovaccari, Rispoli e Castellini – che avrà il compito di firmare la non facile rinascita blucerchiata. Tanto entusiasmo, dunque, e grande attaccamento ai colori anche dopo un'annata a dir poco balorda. E poi gli striscioni sugli spalti del Mugnaini. «Segui noi e la Sampdoria», «La fortuna è sostenerti ancora», «La Sampdoria bisogna meritarla: da chi è rimasto a chi è arrivato, in campo solo uomini veri». Prima dell'inizio dell'allenamento, anche un colloquio tra Atzori, la squadra ed un gruppo di tifosi. Poi l'applauso del pubblico e il via ai primi test atletici.
Da domenica il ritiro di Moena, ma il mercato è ancora aperto e manca sempre il portiere titolare. «Ujkani è la nostra priorità, poi ci sono Puggioni e Manninger. Anche se nel calcio mercato non esistono certezze e potrebbe anche uscire un nome nuovo» ha detto Sensibile a Reggionelpallone.it. Sempre ieri, però Mauro Pederzoli, d.s. del Novara, è stato chiaro: «Abbiamo fatto tanti sacrifici per tenerlo. Ujkani non si muove». Quindi, i «fedelissimi» che Atzori vorrebbe dalla Reggina, sua ex squadra. «Costa, Rizzato e Missiroli sono in stand by – ha detto Sensibile – negli ultimi giorni ho parlato spesso col presidente Foti. In serie B c'è una restrizione sul numero di giocatori in rosa e la Sampdoria inizia il ritiro con ben 31 giocatori». Ma tra questi «tre o quattro giovani andranno a giocare in prestito altrove, ancora però non è sufficiente per poter pensare ad altri innesti». Infine una curiosità: Macheda, dopo la pessima avventura alla Samp, ha segnato una doppietta nella prima amichevole stagionale con la maglia del Manchester Utd, negli Usa, contro i New England Revolution. Una mezza beffa per i tifosi blucerchiati.